Come scegliere la Bevanda Energetica

(11)

Idratarsi è essenziale quando si pratica un'attività fisica. Uno stato di disidratazione comporta inevitabilmente un calo di performance e può causare infortuni o altri problemi di salute. Bisogna però bere solo acqua? L’organismo non ha anche altri bisogni? Qual è il ruolo delle bevande Isotoniche o Energetiche?

Bevanda da Sforzo, bevanda Energetica o Isotonica, … esistono diversi termini per indicare le i prodotti di idratazione adatti agli sportivi. Differenza, utilità, composizione, la bevanda da sforzo non avrà più segreti.

A che cosa serve una bevanda da sforzo ?

Bere acqua è sicuramente il miglior modo per idratarsi. In funzione della propria attività, intensità e ambiente...però non si perde solo acqua. Quando il corpo suda, oltre a perdere liquidi, espelle anche una dose di minerali (soprattutto sodio).

Inoltre durante l'attività fisica il nostro fisico utilizza anche una grande quantità di energia. Le bevande da sforzo peremttono di rispondere a tutte queste necessità grazie a un apporto continuo di glucidi e sali minerali, che ritarderanno la deplezione delle riserve energetiche e la comparsa della stanchezza.

L’impatto delle bevande sarà più o meno benefico secondo la loro composizione e l’effetto desiderato (idratazione/energia apportata).

Composizione delle bevande da Sforzo

  • Acqua: per idratare il corpo.
  • Glucidi: Mix glucidico che associa glucosio e fruttosio per ripristinare le riserve energetiche.
  • Vitamina B1, B2, B6: per favorire l’assimilazione dei glucidi da parte dell'organismo.
  • Sodio: per migliorare l'assorbimento idrico ; stimolare il meccanismo della sete ; permettere di migliorare l'assorbimento dell'acqua e dei glucidi nell'intestino; compensare le perdite sudorali.
  • Potassio: fortemente raccomandato per gli sforzi di lunga durata e in ambiente caldo.
  • Antiossidanti: per aiutare il nostro organismo a difendersi dai radicali liberi, che si producono durante i normali processi che avvengono nelle nostre cellule.

Quale bevanda per quale forzo?

Come la disidratazione, il calo di glicemia e la diminuzione delle riserve di glicogeno sono i fattori limitanti più importanti durante uno sforzo muscolare. Ogni sportivo deve imparare a compensarne le perdite durante lo sforzo se non vuol vedere diminuire le proprie performance.

Sforzi di breve durata

Per sforzi < ad 1 ora, l'acqua è sufficiente.

Idratarsi prima e se possibile durante e dopo lo sforzo fisico. Questo per assicurarsi una buona performance e un buon recupero.

Sforzi di lunga durata

Per sforzi > ad 1 ora si consiglia di consumare una bevanda glucidica a sorsi regolari : da 150 a 300ml ogni 10 / 15 minuti. Questa bevanda deve necessariamente contenere glucidi per apportare energia all'organismo. Deve inoltre contenere del sodio per compensare le perdite sudorali e vitamine B1, B2 e B6 per facilitare l’assimilazione dei glucidi.  Le bevande isotoniche contengono tutti questi ingredienti e sono infatti indicate per questi tipi di attività.

Sforzi molto lunghi o a ripetizione

Per gli sforzi molto lunghi o sforzi a ripetizione è consigliato aggiungere del potassio dato che vi è una notevole perdita di questo minerale in questo tipo di sforzo e soprattutto in ambiente caldo. Si consiglia di apportare anche degli antiossidanti (vitamina C, E e dello zinco). Gli antiossidanti aiutano l'organismo a difendersi dai radicali liberi, che si producono durante i normali processi che avvengono nelle nostre cellule.

Le dosi variano secondo lo sforzo fisico ?

L’aggiunta di glucidi in una bevanda da sforzo fornisce ai muscoli attivi una fonte di energia rapidamente utilizzabile. Questa energia permette di ritardare la comparsa di stanchezza risparmiando le riserve epatiche e muscolari di glicogeno.

Tuttavia, una bevanda troppo concentrata ritarderà la velocità di digestione e quindi limiterà la reidratazione e può essere la causa di crampi o bruciori di stomaco.

Invece, una bevanda molto diluita stimolerà la reidratazione a scapito dell’assorbimento degli alimenti !

Si consiglia di adottare la migliore strategia per favorire il risparmio delle riserve di glicogeno prevenendo la disidratazione. È fortemente consigliato rispettare le dosi indicate sulla confezione. La composizione ottimale della bevanda di reidratazione è influenzata dalle condizioni ambientali e dalle condizioni nelle quali l’esercizio si effettuerà.      

Marie Fauchille
Dietista | Nutrizionista
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vote
VAI IN ALTO