Organizzare bene le vacanze sulla neve

La montagna, la neve, il sole... un appuntamento inevitabile per gli sciatori, gli snowboarder, gli escursionisti e tanti altri... Lo sapevi che una giornata sulle piste rappresenta un notevole dispendio energetico? Per essere in ottima forma, ti suggerisco qualche consiglio per gestire correttamente i tuoi sforzi e quelli del tuo bambino. Pronti a solcare le piste a tutta velocità ... 

Priorità all'idratazione

Quando fa freddo non sentiamo il bisogno di bere. Le attività sulla neve richiedono moltissima energia e fanno traspirare molto, è quindi necessario compensare le perdite d'acqua idratandosi regolarmente.

Come per ogni attività sportiva, è indispensabile portare con sé una bottiglia d'acqua o una sacca d'acqua.

Le conseguenze di una disidratazione possono avere un impatto negativo sulle giornate sportive, comportando stanchezza generale, dolori alle gambe e dispnea, accentuate dall'altitudine e dalla mancanza di ossigeno e tutto ciò può causare cadute e infortuni.

Bisogna approfittare del momento di risalita sulla seggiovia per bere un sorso d'acqua.

Come rimanere al top sulle piste

Scendere a tutta velocità, fare lo slalom tra dossi e cunette. Lo sci è faticoso e proprio per questo richiede più energia del solito, sopratutto con il freddo circostante.

Bisogna aumentare la razione alimentare per fare il pieno di glucidi. Farinacei e proteine per fare il pieno di energia. Le vacanze sono anche un modo per conoscere i piatti locali e soddisfare le proprie papille gustative.

Con il freddo e l'intensità dello sforzo si brucia il doppio delle calorie e si ha una gran fame. La merenda dei bambini è indicata per tutta la famiglia. Barrette ai cereali, gelatine di frutta, e altre barrette energetiche saranno dei compagni ideali che forniranno l'energia giusta per continuare a divertirsi in pista.

Consigli: Pensi che fermarsi per mangiare sia una perdita di tempo? Approfitta della seggiovia per rifocillarti facendo attenzione a non perdere i guanti!

Un pranzo in alta quota ti alletta?

Per i fan delle piste che partono per un'intera giornata, una pausa pranzo è inevitabile. Due soluzioni: pausa sandwich o ristoranti in alta quota.

Puoi associare sandwich e pasto equilibrato. Il pane ai cereali o un panino tradizionale sono un'alternativa ideale per fare il pieno di energia perché contengono glucidi. Evitare il pane bianco che non colma i bisogni energetici e anticipa la fame. Imbottire il panino con un apporto di proteine (prosciutto, pollo, tonno...), di formaggio fresco e insalata o pomodoro. Si può aggiungere, in quantità moderata, una sostanza grassa (burro, maionese...). L'attività pomeridiana compenserà questo piccolo strappo alla regola .

I ristoranti d'alta quota sono un'ottima alternativa per riscaldarsi e riposarsi. Questi ristoranti propongono in generale un menù di vasta scelta. Consiglio un piatto ricco di farinacei senza eccedere con i grassi. Preferire la pasta alle patatine fritte perché apporta carboidrati, indispensabili per ripartire alla grande. Terminare con un dessert a base di latte e si riparte per un pomeriggio sulle piste. I bambini in tutto questo? I ristoranti offrono spesso dei menù vari per il piacere dei grandi e dei piccoli. In vista: pasta, pollo, frutta, saranno i benvenuti.

Adesso che sei imbattibile per la gestione della tua giornata sulle piste, non dimenticare un prodotto basico: la crema solare (indice 50) per non ritornare a casa rossa come un gambero. Avere cura della pelle delicata e sensibile dei propri bambini. Consiglio: applicare la crema sotto forma di disegni divertenti e il bambino si divertirà in totale sicurezza. Piccolo dettaglio: pensare agli scaldini (per mani e piedi), sono dei prodotti intelligenti, economici e pratici.

Adesso siete pronti per divertirvi e farvi notare sulle piste ;-)

Marie Fauchille
Dietista | Nutrizionista
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vote
Consigli
les-risques-de-la-deshydratation

L'acqua rappresenta il 60% del peso corporeo ed è indispensabile per tutte le funzioni dell'organismo. La disidratazione può dunque avere conseguenze gravi sul corpo umano, perché l'acqua interviene nello svolgimento di tutti i processi fisiologici e in tutte le reazioni biochimiche dell'organismo. Ogni attività fisica produce calore che è necessario eliminare, ciò avviene attraverso la traspirazione che a sua volta causa il rischio di disidratazione.

(5)
Consigli
comment-bien-s-hydrater

L’acqua è un bisogno vitale. Per la salute e il buon equilibrio del nostro organismo è importante compensare le perdite d'acqua.Prima, dopo e sopratutto durante l'attività fisica, la disidratazione è il peggiore nemico dello sportivo e della performance.Idratarsi è dunque essenziale per ciascuno di noi. È per questo motivo che il Blog Aptonia lancerà il suo primo dossier sui benefici e le caratteristiche dell’idratazione nello sportivo. Ecco in anteprima i 6 consigli da seguire per idratarsi in modo ottimale prima, durante e dopo l'attività fisica.

(5)
VAI IN ALTO