Radiazioni solari ultraviolette e crema solare

(1)

Proteggersi dal sole significa salvaguardare la salute della propria pelle. Uno slogan molto spesso visto e sentito in questo periodo in cui aumenta l'intensità del sole. Sotto l’effetto dei raggi Uv, l’epidermide si ispessisce e produce melanina, un colorante scuro che conferisce l’abbronzatura, che è una reazione naturale di difesa della pelle esposta al sole, ma non bisogna dimenticare che questi raggi possono avere effetti negativi per la salute se non si prendono opportune precauzioni.

Che cosa sono i raggi solari?

I raggi solari si ritrovano in diverse condizioni:

  • Raggi diretti: Sono i raggi UV, che raggiungono la superficie terrestre e possono penetrare negli strati profondi dell'epidermide. La loro intensità dipende dall'ora, dalla stagione, dall'altitudine e dalla latitudine.
  • I raggi riflessi: Nascono dal riflesso dei raggi su una superficie riflettente, come ad esempio la neve, che riflette molto bene i raggi solari. Al contrario, l'asfalto delle strade non riflette i raggi solari.
  • I raggi diffusi: Sono dei raggi che provengono dall'atmosfera, con tempo bello o brutto. I raggi solari attraversano le nuvole e si diffondono su tutta la superficie terrestre.

Che cosa sono i raggi UV?

La radiazione ultravioletta (UV) è una radiazione elettromagnetica emessa dal sole o da una fonte artificiale.

Si distinguono tre tipi di raggi UV:

I raggi UVA: Essi rappresentano circa il 95 % dei raggi UV che raggiungono la superficie terrestre. Possono penetrare negli strati profondi dell'epidermide. Riescono ad attraversare un vetro e penetrare nella pelle fino al derma. Sono responsabili dell'effetto abbronzatura immediata e favoriscono l'invecchiamento della pelle e la comparsa delle rughe.

I raggi UVB: Una parte dei raggi UVB è filtrata dall'atmosfera. Non penetrano oltre gli strati superficiali della pelle. Sono responsabili dell'abbronzatura, delle ustioni ritardate e a breve termine dei colpi di sole. Favoriscono l'invecchiamento della pelle rovinando le fibre di collagene. I raggi UVB sono bloccati dal vetro.

I raggi UVC: Sono quelli più nocivi, ma sono completamente filtrati dallo strato di ozono e non raggiungono la superficie terrestre.

Come proteggersi dai raggi UV?

Secondo l'OMS, per approfittare dei benefici del sole, bisogna rispettare alcune semplici regole:

  • Non esporsi tra le 11:00 e le 15:00, ore in cui il sole è allo zenit ed i raggi ultravioletti sono più intensi,
  • Non appisolarsi al sole,
  • Ricercare l'ombra o crearla,
  • Indossare indumenti protettivi.

Tutte queste precauzioni vanno associate ad un'applicazione di uno schermo solare, prestando attenzione all'indice UV

Come scegliere la crema solare?

La crema solare deve bloccare i raggi UVA e UVB, l'indice di protezione deve essere almeno di 15.

Deve essere applicata su tutte le parti esposte al sole, prestando particolare attenzione a orecchie, naso, fronte e nuca. Applicare uno strato abbondante ogni 2 ore, soprattutto dopo essere stati in acqua o aver praticato un'attività fisica.

La scelta dell'indice di protezione dovrà tenere in considerazione la sensibilità del soggetto all'esposizione solare:

  • Per una pelle sensibile e chiara, soggetta facilmente a colpi di sole scegliere una crema solare IP50+ ad altissima protezione.
  • Per una pelle mista, leggermente scura, che si abbronza facilmente, scegliere una crema solare IP30
  • Per una pelle scura, più resistente al sole e non soggetta ai colpi di sole e che si abbronza facilmente, utilizzare una crema solare IP20

L’Afssaps ricorda di non esporre al sole neonati e bambini.

Raccomanda un'esposizione al sole moderata e l'utilizzo di una protezione solare idonea al proprio tipo di pelle e alle condizioni ambientali a cui ci si espone. Applicare il prodotto di protezione solare prima dell'esposizione al sole e rinnovare frequentemente l'applicazione sopratutto dopo il bagno, sudorazioni eccessive o dopo essersi asciugati.
L’Afssaps richiama l'attenzione del consumatore sul fatto che il livello di protezione diminuisce nettamente se la quantità di prodotto applicata è insufficiente.

Inoltre, l’Afssaps ricorda che l'utilizzo di un prodotto di protezione solare rappresenta uno dei modi per prevenire i danni causati dai raggi U.V. sulla pelle e non bisogna sottovalutare l'importanza dell'utilizzo di indumenti protettivi: cappello a falda larga, occhiali, t-shirt, …).

Stéphanie Mouragues
Responsabile del prodotto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Vote
VAI IN ALTO